Secondo i dati dell’Osservatorio Big Data Analytics & Business Intelligencepromosso dalla School of Management del Politecnico di Milano, cresce in Italia il mercato dei Big Data Analytics che nel 2018 ha raggiunto  un valore complessivo di 1,393 miliardi di euro, con una crescita del 26% rispetto al 2017. Un risultato che conferma il trend positivo degli ultimi tre anni, in cui il settore è cresciuto in media del 21% ogni dodici mesi. Le aziende hanno maturato consapevolezza sul tema e l’hanno trasformata in investimenti infrastrutturali, sperimentazioni e progetti in produzione.

Tuttavia, rimane molto ampio il divario fra le grandi imprese (vero motore della crescita), che si dividono l’88% della spesa complessiva e le PMI, che rappresentano una quota esigua del mercato fermandosi al 12%.

Il 45% della spesa in Analytics è dedicato ai software (database e strumenti per acquisire, elaborare, visualizzare e analizzare i dati, applicativi per specifici processi aziendali), il 34% ai servizi(personalizzazione dei software, integrazione con i sistemi informativi aziendali, consulenza di riprogettazione dei processi) e il 21% alle risorse infrastrutturali (capacità di calcolo, server e storage da impiegare nella creazione di servizi di Analytics). I software sono anche l’ambito con la crescita più elevata (+37%), seguito dai servizi (+23%) e risorse infrastrutturali (+9%).

La  sfida sara di adottare soluzioni Fast & Smart: in grado di analizzare i dati in tempo reale integrando diverse fonti informative in streaming e rispondere velocemente alle esigenze del business, basate su meccanismi di apprendimento intelligente, Machine Learning e Deep Learning, che identificano pattern e correlazioni presenti nei dati e trasformano questa conoscenza in azioni concrete che permettono alle imprese di acquisire un vantaggio competitivo. fonte Digital 360 Group / Mauro Bellini

Share This